Friburgo, città ecologista, paradiso dei ciclisti

Una città considerata tra le più sostenibili al mondo con un centro storico totalmente pedonale, 400 km di piste ciclabili e il doppio delle biciclette rispetto alle auto (libera sintesi e traduzione di un articolo apparso su BBC nel luglio 2020 con note e personali approfondimenti)

Celebra il suo 900 ° anniversario dalle sue origini (1120) di insediamento mercantile , la città tedesca di Friburgo incastonata ai piedi della Foresta Nera vicino al triangolo di confine tra Svizzera, Francia e Germania.
Le colorate case a graticcio e le strade acciottolate senza auto del centro storiche sono state fedelmente ricostruite dopo i Bombardamenti della seconda guerra mondiale. I pochi marciapiedi ancora presenti sono in fase di rimozione in quanto tutto il centro storico è una immensa isola pedonale.

Andiamo a vedere gli ingredienti che fanno di Friburgo una delle città tedesche, più vivibili, progressiste, sostenibili e adatte ai bambini della Germania.

La svolta sostenibile della città può essere fatta risalire al febbraio 1975. Migliaia di manifestanti si sono accampati per nove mesi in una zona di terra 30 km a nord di Friburgo nelle profondità della Foresta Nera per bloccare la costruzione di una centrale nucleare a Wyhl. “All’epoca la protesta era pacifica, profondamente radicata nella solidarietà”, ha dichiarato Axel Mayer, che ha preso parte all’evento ed è ora amministratore delegato di BUND (Federation for Environment and Nature Protection Germany). Sebbene guidato dalla gente del posto, l’eclettico gruppo di manifestanti è cresciuto fino a includere attivisti di sinistra, viticoltori alsaziani, sciatori, agricoltori tedeschi, architetti, dottori, educatori, giornalisti, musicisti orchestrali e ufficiali di polizia, tutti uniti nella loro missione di fermare la costruzione della centrale nucleare.
Con i progetti di costruzione definitivamente bloccati, questo esempio riuscito di attivismo guidato dai cittadini portò Friburgo a diventare un terreno fertile per il pensiero alternativo e diede vita a un movimento ecologico. Nei decenni successivi, Friburgo si è rapidamente sviluppato come centro di economia ambientale e ricerca solare con un ricco CV verde:

• 1994: Build Heliotrope: la prima casa a plus energia al mondo
• 2002: elegge il primo sindaco tedesco del Partito Verde, Dieter Salomon
• 2002: vince il premio Best Practices International di Dubai per lo sviluppo sostenibile
• 2010: vince il premio nazionale per i suoi sforzi di protezione del clima
• 2012: città nominata più sostenibile in Germania
• 2017: New Town Hall diventa il primo edificio pubblico al mondo a produrre energia in eccesso

L’anno scorso, Friburgo ha ospitato circa 25.000 funzionari e urbanisti di tutto il mondo per comunicare i propri progetti innovativi. Grazie a questa condivisione di conoscenze, Padova, città gemella nel nord Italia, da allora ha installato la più grande fattoria solare d’Italia; mentre Madison, nello stato americano del Wisconsin, sta pianificando la costruzione di un centro di sostenibilità basato sul Solar Center di Friburgo.

Negli ultimi 45 anni, questa piccola città è stata un terreno fertile per il pensiero alternativo e la sostenibilità.
Con 400 km di piste ciclabili e il doppio delle biciclette rispetto alle auto, Friburgo è il paradiso dei ciclisti. Alla stazione ferroviaria è associato un imponente edificio cilindrico per biciclette di Friburgo.

La stupenda Munsterplatz

Questo disegno intenzionale può essere fatto risalire al periodo postbellico. Mentre altre città tedesche si stavano concentrando sulla ricostruzione di città moderne che mettessero le auto al centro dei trasporti futuri, i pianificatori di Friburgo adottarono un approccio diverso, centrando i loro progetti attorno ai trasporti pubblici, allargando così le strade per accogliere tram e piste ciclabili, comprese le grandi zone pedonali .

Munsterplatz, luogo aperto alla socialità e alla contemplazione

E in un momento in cui gran parte della Germania stava costruendo ampie autostrade e ampi parcheggi, Friburgo ha lanciato la sua prima politica di trasporto urbano nel 1969 incentrata su modalità di viaggio rispettose dell’ambiente.

Torre gotica di ingresso alla cattedrale di nostra signora “Münster unserer lieben Frau”

All’ombra della torre gotica del XIII secolo, ogni mattina la piazza brulica di prodotti locali provenienti da 96 aziende della regione. Gran parte dei prodotti offerti sono biologici, grazie all’appartenenza della città al collettivo tedesco Bio-Städte che promuove l’agricoltura biologica.

Crescere a Friburgo significa che ovunque tu sia, vedi le montagne con la foresta

La FR1, un’autostrada per biciclette dedicata che trasporta i 15.000 ciclisti che viaggiano ogni giorno lungo il suo percorso di 10 km. Nei giorni delle partite, un mare di appassionati di calcio viaggia lungo la FR1 e scende sullo Schwarzwald-Stadion da 24.000 posti, il primo stadio di calcio a energia solare della Germania che ospita gli eroi locali SC Freiburg. Da quando i pannelli solari sono stati installati sui tetti delle tribune nel 1993, lo stadio ha generato 250.000 chilowattora all’anno, alimentando lo stadio e alimentando eventuali eccedenze nella rete locale.

Una delle tre piste ciclabili del programma “Radkonzept 2020” per rendere la mobilità ciclabile ancora più interessante e soprattutto veloce e sicura anche sulle grandi distanze.
In tutto il territorio urbano ha quasi ovunque la precedenza (ad es. a Sandfangweg). Sono quasi 15.000 i ciclisti che utilizzano questo percorso nelle belle giornate.
La pista ciclabile FR1 è stata ampliata con il sostegno della regione ed il traffico pedonale è stato in parte separato.

Per i locali in cerca di attività all’aperto, la Foresta Nera offre un rifugio gradito. La vasta catena montuosa ospita percorsi pedonali, orti comunitari, orti di assegnazione, piste da BMX e minuscole baite forestali appartenenti alle scuole materne.
“Crescere a Friburgo significa che ovunque tu sia, vedi le montagne con la foresta”, e i bambini sviluppano un legame così precoce con la natura, l’ambiente e la sostenibilità sono profondamente radicati nei miei pensieri. “

Un camping da favola con grandi piscine e giochi d’acqua
Piste ciclabili a non finire tutto intorno a Friburgo, tra la foresta nera e le coltivazioni di mais

Adagiata a soli 3 km dal centro della città, la celebre comunità suburbana pianificata di Vauban, ha al centro un’etica ecologista. Qui, il coinvolgimento civico va di pari passo con un “edificio collettivo” – in cui i cittadini acquistano insieme un pezzo di terra e costruiscono un condominio, invece di acquistare singolarmente un appartamento da una società di sviluppo – e un’ambiziosa politica ambientale. Fondamentalmente, “le persone sono più verdi, più alternative e più sociali”, ha detto Hoffmann.

I 5.500 residenti di Vauban vivono in cooperative affiatate, abitazioni private o case popolari che coprono i 40 ettari del sobborgo. Tutti gli alloggi aderiscono allo standard edilizio a bassa energia di Friburgo di 65 kWh / mq e l’energia minima che viene immessa viene generata localmente dai sistemi di riscaldamento a trucioli di legno situati nelle vicinanze.
Il sobborgo ecologico di Vauban è pieno di edifici a basso consumo energetico (credito: Gyuszko / Getty Images)
Tra giardini pensili, dispense di condivisione del cibo, digestori anaerobici di rifiuti organici, seminari per la risoluzione dei conflitti e supermercati cooperativi, è impossibile elencare tutti i progetti sociali che la comunità gestisce, quindi Philipp mi ha detto dell’unica cosa che non ha : macchine.

A Vauban, vi sono 172 auto per 1.000 residenti, rispetto ai 393 nella grande Friburgo e 531 nella vicina metropoli industriale di Stoccarda. Molte delle strade in cui ti aspetteresti di vedere le macchine parcheggiate sono state reinventate come vicoli ciechi per bambini. Apparentemente, possedere un’auto è il modo più semplice per suicidarsi a Vauban. “Occasionalmente ci sono problemi tra vicini se qualcuno parcheggia la propria auto nell’area di raccolta per troppo tempo o non dichiara di possedere un’auto”. Altri fanno un passo ulteriore, nascondendo le loro auto nelle città vicine per evitare di essere scherniti.

Il nuovo municipio di Friburgo è diventato il primo edificio pubblico al mondo a produrre energia in eccesso quando è stato costruito nel 2017.
Il municipio è leggero e luminoso, assomiglia più all’atrio spazioso di un moderno centro commerciale che a un ufficio governativo. L’esterno è rivestito con 4.000 mq di moduli solari, che gli conferiscono l’onore del primo edificio pubblico plus-energy al mondo – il che significa che produce più energia di quella di cui ha bisogno e immette nuovamente l’eccesso nella rete elettrica della città.

Con obiettivi rinnovati: con il 50% in meno di emissioni di CO2 entro il 2030 e il 100% di energia da fonti rinnovabili entro il 2050, Friburgo continua con fiducia verso un domani ancora più verde.

solo spazi pedonali, unica eccezione di diritto di accesso: la bicicletta
per le strade del centro sono ammessi solo filobus e biciclette

un canale di scolo nel centro di Friburgo

2 pensieri su “Friburgo, città ecologista, paradiso dei ciclisti”

  1. Buona sera Professore, quando c’è in programma questo interessante viaggio? Cari saluti da Angelika e Enzo di Monopoli

    1. Cari Enzo, Angelika, forse faremo una piccola pausa per la prima metà di agosto per riprendere nella seconda metà. State ricevendo le newsletter ? le trovate comode? un caro saluto Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *