Dossier rifiuti

Chi abbandona deliberatamente i rifiuti trasformando i luoghi in discariche abusive commette un crimine ambientale: ovvero è un criminale. Gli ecologisti in bicicletta non stanno fermi: fotografano e denunciano. Questo dossier è anche una guida pratica che spiega come segnalare e denunciare. Abbiamo creato una mappa dei rifiuti dove potete segnalarci i vostri avvistamenti.

Sommario

Perchè il dossier
Dispensa Gianni Grassi rifiuti
Come si fa la segnalazione
Articolo 192 del codice ambientale
Modulo di segnalazione online
Lettera butterfield
Mappa dei rifiuti
Elaborazione delle risposte

La Mappa dei rifiuti

Nella mappa di sotto puoi vedere i punti in cui abbiamo rilevato discariche abusive o ci sono stati segnalati i rifiuti e discariche da simpatizzanti. Cliccando sull’icona del bidone puoi vedere le foto e apprendere ulteriori informazioni sulla tipologia di discarica abusiva. Questa mappa può essere visualizzata da tutti, sindaci, giornalisti e forze dell’ordine. E’ un monito per gli inquinatori e per i responsabili dei territori. Saremo estremamente contenti di ricevere le segnalazioni che attestano la rimozione delle discariche. Provvederemo allora a cambiare il colore da rosso a verde per segnalare che la discarica abusiva è stata bonificata.

pigiare per navigare tra i paragrafi

Le associazioni aderenti al progetto

Legenda:

Bidone rosso con sversamento: Segnalazione di una discarica abusiva da bonificare

Bidone verde:
Discarica abusiva bonificata a seguito della segnalazione

Perchè questo dossier?

Questo dossier serve a sensibilizzare sulla grave emergenza dell’abbandono dei rifiuti sulle strade secondarie di Puglia. Serve anche come guida operativa per spiegare cosa fare quando andando per strada in bici o a piedi si incontra una cumulo di rifiuti o una discarica abusiva.

Se pedalando o camminando dovesse capitarti di vedere rifiuti abbandonati, hai il diritto (oltre che un dovere morale, sopratutto se fai parte di una associazione ambientalista) di denunciarli alle autorità competenti al fine di tutelare l’ambiente e la tua stessa salute.
L’abbandono di rifiuti comporta delle sanzioni e le autorità competenti sono tenute per legge, se correttamente informate, a intervenire e provvedere alla rimozione.

Come procedere alla segnalazione

La segnalazione di discariche abusive può essere fatta a titolo individuale o per conto di una associazione. La denuncia può essere fatta al sindaco del Comune ove sono stati rinvenuti i rifiuti abbandonati, oppure alla Polizia Locale operante nel Comune dove è avvenuto il rilevamento. Noi suggeriamo comunque di fare la denuncia con lettera cointestata al sindaco. La comunicazione in questo caso sarà necessariamente protocollata e rimarrà agli atti.

La presenza dei rifiuti può essere segnalata mediante:
PEC all’indirizzo di posta elettronica certificata dell’ufficio di Polizia Locale e/o del sindaco e/o dell’assessorato con competenze in materia ambientale;
a voce (con dichiarazione che sarà trascritta dal pubblico ufficiale che la raccoglie); sia la polizia che l’ufficio del sindaco rilasceranno una copia della denuncia con timbro di ricevuta;
per iscritto (a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno o con denuncia consegnata a mano). E’ consigliato utilizzare la raccomandata a/r. In questo modo si ha certezza che la segnalazione è stata ricevuta.

Se intendi aderire alla campagna di denuncia dei cicloamici allora puoi anche fornirci le informazioni con un modulo da compilare online e a cui allegare le foto

In caso di inerzia del Comune a intervenire, e in caso di ritrovamento di rifiuti speciali o pericolosi si può presentare la segnalazione-denuncia alla Procura della Repubblica a cui fa riferimento il Comune.
La segnalazione va sempre sottoscritta. Ricordate bene che le segnalazioni e le denunce anonime non vengono prese in considerazione.
Fondamentale è fornire in maniera completa i nostri dati in modo da essere facilmente raggiungibili per ulteriori chiarimenti da parte delle autorità.
Per rendere efficace la denuncia è opportuno allegare foto o video dei rifiuti rinvenuti ed essere il più possibile esaustivi e precisi rispetto alla localizzazione dell’area, alla tipologia dell’area stessa, alla qualità e quantità dei rifiuti.
Vi consigliamo di conservate una copia della denuncia e delle foto/video che consegnate a supporto della segnalazione.

Cosa deve contenere la segnalazione
Nella segnalazione devono essere contenute in maniera sintetica ed esaustiva tutte le informazioni necessarie al ricevente per accertare in maniera rapida il fatto:
Localizzazione dell’area: si devono fornire le indicazioni precise su dove si trovi l’area; fornire l’indirizzo oppure le coordinate gps (anche tramite smartphone) è la soluzione ideale.
Tipologia della zona: oltre ad indicare la tipologia dell’area (margine di strada, terreno coltivato, bosco, corso d’acqua, …) indicare se si tratta di un’area “aperta” oppure recintata o nella proprietà di qualcuno.
Quantità e qualità dei rifiuti: specificare se i rifiuti sono all’interno di contenitori, se sono chiusi o aperti, il numero di questi contenitori ed eventualmente odori particolari provenienti dai contenitori. Evitate di frugare tra i contenitori senza protezioni adeguate.

Individuazione del momento in cui è avvenuto l’abbandono: se è noto possiamo anche indicare il momento dell’abbandono. Es. se passo alla sera dalla strada X e ci ripasso al mattino e noto dei rifiuti abbandonati che non c’erano la sera prima è evidente che l’abbandono è avvenuto durante la notte;
Testimoni: possiamo anche inserire il nome o i nomi di altre persone che si sono accorti di quanto avvenuto.
Documentazione fotografica/video: supportare la segnalazione con del materiale fotografico o video è decisamente importante e necessario soprattutto per evidenziare e descrivere meglio la tipologia di rifiuti, la quantità e il loro stato. Non è necessario presentare tantissime fotografie, è importante che quelle consegnate siano ideali per far capire meglio la segnalazione.

Indirizzi PEC per inviare la segnalazione

Consigliamo di effettuare la segnalazione a titolo individuale o associativo mediante invio per E-mail all’indirizzo di posta elettronica certificata delle autorità competenti.
E’ importante individuare in quale territorio comunale ricade la discarica abusiva e indirizzare la segnalazione agli uffici preposti. Tipicamente i servizi di ambiente e igiene urbana e la polizia locale.
A titolo di esempio (ma non esaustivo) riportiamo le PEC di alcune autorità locali.

Mesagne
Polizia locale Mesagne: vigili@pec.comune.mesagne.br.it
Servizi ambientali: ambiente@pec.comune.mesagne.br.it 
Brindisi
Ambiente e igiene urbana: ufficioprotocollo@pec.comune.brindisi.it
Polizia locale Brindisi: poliziamunicipale@pec.comune.brindisi.it

Qualche nota tecnica in materia di caccia ai rifiuti

credits abbiamo raccolto le raccomandazioni e note dal manuale CAI Emilia Romagna di cui consigliamo la lettura

Definizione di “rifiuto”
Per rifiuto si intende qualsiasi sostanza o oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l’intenzione o l’obbligo di disfarsi [Art. 183, D.L., n.152 del 3.4.2006]; i rifiuti sono classificati in categorie a seconda della provenienza, della potenziale pericolosità nei confronti dell’ambiente e della salute e dell’impatto sul luogo in cui sono abbandonati.

Discarica abusiva

In caso di discarica abusiva la situazione è un po’ diversa rispetto al “semplice” abbandono. Formalmente ci troviamo di fronte alla stessa tipologia di reato, cioè l’abbandono di rifiuti in un luogo non predisposto a tale scopo, ma si tratta di reati generati da due comportamenti diversi. Infatti una discarica è un luogo in cui si ha l’abbandono di rifiuti in modo continuo e stabile (questo differenzia la discarica dall’abbandono dei rifiuti, che avviene in maniera occasionale e discontinua). Anche in questo caso occorre fare una segnalazione, facendo ancora più attenzione ai dettagli ed alla relativa descrizione (in particolare dell’area in cui si trova questa discarica e delle zone che sono nelle vicinanze, per esempio canali di irrigazione o corsi d’acqua).

Le sanzioni
Le norme in materia ambientale vietano l’abbandono ed il deposito incontrollato di rifiuti sul suolo (e nel suolo), così come è vietata l’immissione di rifiuti di qualsiasi genere, allo stato solido oliquido, nelle acque superficiali e sotterranee [Art. 192, D.L., n.152 del 3.4.2006]. L’abbandono dei rifiuti prevede una sanzione amministrativa pecuniaria ed inoltre il “colpevole” è tenuto a procedere alla rimozione, all’avvio al recupero o allo smaltimento dei rifiuti ed al ripristino dello stato dei luoghi (in caso di mancato ottemperamento può scattare l’arresto fino ad un anno).
Il Sindaco ricevuta la segnalazione è tenuto a disporre con ordinanza le operazioni necessarie ed il termine entro cui provvedere, decorso il quale procede all’esecuzione in danno dei soggetti obbligati ed al recupero delle somme anticipate.

Rifiuti abbandonati illecitamente da ignoti
Ing. Gianni Grassi

Gianni-Grassi-MICRO-DISCARICHE

Aspetti tecnici e implicazioni legali del grande fenomeno dell’abbandono dei rifiuti. Punto di partenza il “codice dell’ambiente” (DL152/2006) e l’arti.192 relativo

La lettera aperta dell’agenzia cicloturistica Butterfield & Robinson su invito dei Cicloamici ha redatto questa lettera aperta ai pugliesi e alle autorità compententi

Butterfield & Robinson 
Toronto, Canada, li 8 luglio 2005

Lettera Aperta
A tutte le autorita` pugliesi responsabili dell’ambiente 

Butterfield & Robinson e` una agenzia cicloturistica riconosciuta nel mercato nordamericano come il piu` prestigioso tour operator del proprio settore. Da oltre quarant’anni organizziamo giri da 4 a 12 notti nel mondo intero, dai vari paesi europei a mete piu` esotiche come l’Argentina, l’India, ed il Vietnam. Nel mio ruolo di Program Director, sono il responsabile dei nostri 20 itinerari europei in bicicleta. Negli ultimi anni la Puglia e` sempre stata la destinazione piu` ricercata in assoluto fra la nostra clientela, non solo in Italia o Europa, ma in tutto il mondo. Questa popularita` sara` dovuta alle ottime strada ciclabili che ci sono, ma anche all’ospitalita` della gente, la cucina tipica straordinaria, e una serie di alberghi piu` che validi. Ultimamente, pero`, si inizia a sentire dei commenti decisamente negative a proposito le discariche che caratterizzano gran parte delle strade da noi percorse. Per il cicloturista abituato ai paesaggi puliti come quelli della Toscana o della Francia, tali sembrano un inspiegabile segno di pigrizia dalla parte di sia il governo che il popolo generale. Con la recente moltiplicarsi di queste zone rifiuti, il meraviglioso ambiente pugliese, che dovrebb’essere ideale per chi viaggia su due ruote, sta diventando invece una regione di “potenziale sprecato.” I nostri clienti tornano a casa a lamentarsi con noi per la situazione, e non sorprendentemente, nel 2005 vedremo un netto calo nell’affluenza in zona, rompendo una lunga serie di anni di crescita. Neanche gli avvenimenti dell’11 settembre 2001 erano riusciti a fare altrettanto. Dalla parte della mia organizzazione, esorto tutte le autorita` responsabili di agire tempestivamente per eliminare le immondizie esistenti. Inoltre prego tutti di fare il necessario pur di prevenire situazioni future simili, tramite la creazione di discariche legali e accessibili, con una campagna istruitiva che farebbe capire alla populazione locale l’importanza del risanamento e della protezione delle zone di campagna. Sarei lieto di approfondire la discussione telefonicamente con chiunque ne abbia voglia. 

In fede, 

Chris Mark 

Program Director, 

Biking Journeys Butterfield & Robinson 

email: cmark@butterfield.com

La “Mappa dei rifiuti

La nostra associazione e questo blog sono impegnati incessantemente a promuovere la bellezza della Puglia, delle sue risorse e dei suoi paesaggi. Ma voler bene alla nostra terra significa anche dire le cose che non vanno e poi denunciarle e poi portarle all’attenzione delle autorità competenti e della stampa.
Così la nostra Mappa dei rifiuti rappresenta un modo per sensibilizzare e invitare a rimuoverli.
In fondo a questo dossier i cicloamici riportano i luoghi dove anno individuato cumuli di rifiuti e discariche abusive. Se vuoi segnalare ai Cicloamici i rifiuti che hai incontrato durante la tua escursione puoi farlo compilando il modulo di sotto in maniera anonima ma meglio indicando il tuo nome e i tuoi recapiti in modo che ti possiamo intervistare e rendere conto della gravità. Se ci indichi con precisione il logo possiamo anche recarci in bici per effettuare noi le denunce.

Modulo online da telefono o PC

Puoi segnalare tu in prima persona alle autorità competenti la presenza di discariche e rifiuti abbandonati. Per farlo scarica il documento word a questo link e compilalo.
Inviale per posta oppure all’ufficio protocollo del Comune nel cui territorio ricade la discarica oppure al comando della Polizia Urbana del comune

I nostri reportage fotografici

Ampia discarica con conferimento abituale nel comune di Oria
Rifiuti abbandonati presso il Canale di Galesano, nel Comune di Torre Santa Susanna. Nei pressi di S. Pietro di Crepacore
Rifiuti abbandonati presso il Canale di Galesano, nel Comune di Torre Santa Susanna. Nei pressi di S. Pietro di Crepacore
Rifiuti abbandonati presso il Canale di Galesano, nel Comune di Torre Santa Susanna. Nei pressi di S. Pietro di Crepacore
Rifiuti abbandonati presso il Canale Reale, nel Comune di Latiano. Nei pressi di masseria Canali
Rifiuti abbandonati presso il Canale Reale, nel Comune di Latiano. Nei pressi di masseria Canali

I primi dati statistici

I dati forniti nelle segnalazioni vengono utilizzati per costruire le statistiche che fanno luce sul tipo di rifiuti e sul tipo dei luoghi scelti per l’abbandono. Sono riportate di sotto le prime elaborazioni ricavate dalle segnalazione finora giunte.

Nel 2004 il primo dossier

Abbiamo costruito il primo dossier di denuncia alle discariche abusive nel lontano 2004. Pigiando sulla pagina sotto appariranno le foto e le denunce compiute in quegli anni. Dalle discariche nel Parco del Gargano, al Pulo di Altamura alle cave abbandonate in Provincia di Brindisi. Per fortuna molte di quelle discariche, grazie anche alle nostre denunce, sono state bonificate.

Articolo 192 Codice dell’ambiente

L’articolo 192 del decreto legge 152/2006 anche noto come Codice dell’ambiente disciplina le modalità dei rifiuti abbandonati
Fonti » Codice dell’ambiente » PARTE QUARTA – Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati » Titolo I – Gestione dei rifiuti (artt. 177-216 ter) » Capo I – Disposizioni generali

1. L’abbandono e il deposito incontrollati di rifiuti sul suolo e nel suolo sono vietati.
2. à altresì vietata l’immissione di rifiuti di qualsiasi genere, allo stato solido o liquido, nelle acque superficiali e sotterranee.
3. Fatta salva l’applicazione della sanzioni di cui agli articoli255 e 256, chiunque viola
i divieti di cui ai commi 1 e 2 è tenuto a procedere alla rimozione, all’avvio a recupero o allo smaltimento dei rifiuti ed al ripristino dello stato dei luoghi in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali di godimento sull’area, ai quali tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o colpa, in base agli accertamenti effettuati, in contraddittorio con i soggetti interessati, dai soggetti preposti al controllo. Il Sindaco dispone con ordinanza le operazioni a tal fine necessarie ed il termine entro cui provvedere, decorso il quale procede all’esecuzione in danno dei soggetti obbligati ed al recupero delle somme anticipate.
4. Qualora la responsabilità del fatto illecito sia imputabile ad amministratori o rappresentanti di persona giuridica ai sensi e per gli effetti del comma 3, sono tenuti in solido la persona giuridica ed i soggetti che siano subentrati nei diritti della persona stessa, secondo le previsioni del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, in materia di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni

fonte Brocardi.it – Articolo 192 Codice dell’ambiente

La rimozione dei rifiuti dalle strade
Il Responsabile dell’ufficio tecnico comunale è competente ad adottare nei confronti di A.N.A.S. un’ingiunzione alla rimozione dei rifiuti abbandonati.
L’ufficio tecnico è incompetente ad adottare un ordine di bonifica, decontaminazione e risanamento igienico del sito, trattandosi di adempimenti che vanno oltre la gestione e pulizia delle strade, e sono strettamente espressione di un rimedio sanzionatorio per la violazione del divieto dell’abbandono dei rifiuti, rientrante nell’ambito di operatività
dell’art. 192 del D.Lgs. n. 152 del 2006.
Il comma 3 dell’art. 192 enuclea, infatti, tale competenza in capo al Sindaco. (Riforma T.a.r. Puglia Lecce, Sez. I, n. 2975/2009). L’art. 14 del codice della strada impone direttamente al concessionario la pulizia delle strade e delle loro pertinenze. Di conseguenza, l’art. 192 del D.Lgs. n. 50 del 2016, ai sensi del quale chiunque viola il divieto di abbandono e deposito incontrollato di rifiuti sul suolo è tenuto «a procedere alla rimozione, all’avvio a recupero o allo smaltimento dei rifiuti ed al ripristino dello stato dei luoghi in solido con il proprietario o con i titolari di diritti reali o personali di godimento sull’area, ai quali tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o colpa, in base agli accertamenti effettuati, in contraddittorio con i soggetti interessati, dai soggetti preposti al controllo» può anche trovare applicazione nei confronti dell’A.N.A.S., con riferimento alle strade dalla stessa gestite, tenendo conto degli obblighi specifici che su di essa gravano, purché la condotta dell’abbandono le sia imputabile a titolo di dolo o di colpa.

6 pensieri su “Dossier rifiuti”

  1. Grazie a cicloamici, ad Antonio Licciulli. Passo il link alle mie classi…a proposito di educaz civica da quest’anno obbligatoria…e a proposito dell’articolo 9 e 32 della Costituzione.

    1. Cara Giusy, grazie per l’apprezzamento. Onorati se vorrai additarci come un umile esempio di movimento civico che si organizza dal basso 🙏

  2. Ciao Antonio, trovo che sia una iniziativa molto utile. Nel mio piccolo in passato ho segnalato alle autorità situazioni simili, ricordo qualche hanno fa la segnalazione dei rifiuti abbandonati nel bosco dei Lucci. Continuerò a farlo usando i Vostri suggerimenti, magari saranno più incisivi. La lotta a questo crimine deve essere vinta, proprio ieri leggevo che la Puglia è la seconda regione italiana per reati ambientali, che tristezza per la nostra meravigliosa Regione, invidiata da tutto il mondo. Spero che oltre alle segnalazioni si crei una rete che coinvolga le scuole per sensibilizzare i giovani sul problema; le istituzioni per bonificare e multare in modo serio i responsabili e per l’affissione periodica in città di manifesti per ricordare l’esistenza dell’isola ecologica, informazioni base di raccolta e smaltimento dei rifiuti; i giornali locali per pubblicare in modo quotidiano e martellante le fotosegnalazioni per far crescere la sensibilità e lo sdegno di fronte a tali scempi; le associazioni culturali per parlare sempre più spesso del problema e soluzioni. Dobbiamo dare un prezzo alla natura e farmi conoscere, se non quantifichiamo un valore nessuno potrà capire il danno arrecato. Auguriamoci il meglio.

  3. Caro Andrea, grazie per gli apprezzamenti e la tua significativa testimonianza. Il nostro strumento di segnalazione si affianca all’azione di segnalazione che ogni cittadino è tenuto a fare. Vediamo come va e se ….. l’unione fa la forza 😉. Aspettiamo le tue segnalazioni
    Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *