La Via Verde sul Canale D’Aiedda

Un corridoio ecologico, un polmone verde per i cittadini di Taranto e dintorni

ll Canale D’Aiedda, che sfocia nel mar Piccolo, rappresenta il più ampio bacino idrografico del Comune di Taranto e raccoglie acque reflue e piovane da diversi canali e affluenti. Si presenta come una morfologia carsica interessata da incisioni erosive. Vi troviamo una diversità di biotopi: la vegetazione palustre, tratti di macchia mediterranea, zone aride e incolte. Come testimoniano le nostre foto l’area intorno al Canale D’Aiedda rappresenta una risorsa paesaggistica da tutelare. Dal punto di vista della mobilità lenta e sostenibile il Canale D’aiedda può rappresentare un corridoio ecologico percorribile ossia una “Via Verde”. Esiste già una sterrata che scorre parallela al Canale che consente la fruizione di scenari di rara bellezza rispetto al territorio circostante. Questa sterrata collega agevolmente l’area urbana di Taranto a aree di interesse naturalistico come l’Oasi Ecomuseo WWF Palude La Vela, il Convento dei Battendieri e antiche Masserie. Insomma una vera e propria Via Verde! La Via Verde sul Canale D’aiedda potrebbe integrarsi nei costruendi “Cammino della Via Appia” e nell’itinerario Cicloturistico Eurovelo 5. In tal senso rappresenterebbe un percorso bello protetto e più breve di quelli attualmente delineati. Perchè non farci un pensierino??


I

2 pensieri su “La Via Verde sul Canale D’Aiedda”

  1. Qualche indicazione topografica piu precisa. Dalla periferia di taranto da dove si imbocca. È tutta percorribile in bike ? Dove termina?

    1. Caro Giuseppe, che piacere! ti scrive Antonio Licciulli nella veste di redattore del sito 😉
      Stiamo lavorando per creare una mappa interattiva con informazioni dettagliate e indicazione dei punti di interesse.
      appena ultimiamo il lavoro te la segnalo.
      Auspicando che qualche amministratore di buona volontà voglia sposare la nostra idea in progetto. Mettendo in questo modo a disposizione dei tarantini una bella e importante area naturalistica.
      a presto
      antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *